lunedì 24 agosto 2009

La QUALIFICA..... è ormai storia

Alle 17:50 circa squilla il telefono: "sono arrivato":
quest'oggi intorno alle 17:30, con il ritorno a La Grand Motte, si è conclusa la qualifica di Sergio.

In breve le fasi salienti:
11/08 (sera) partenza da La Grand Motte
12/08 ore 06:20 primo passaggio boa del Golfo del Leone
13/08 ore 11:20 boa di Barcellona
14/08 ore 20:00 secondo passaggio boa del Golfo del Leone
17/08 ore 22:52 la Giraglia
18/08 ore 22:53 Giannutri
24/08 ore 17:30 ritorno a La Grand Motte

E' stata una qualifica caratterizzata da una prima fase sostanzialmente veloce, da un Mar Tirreno avaro di vento (specie nella risalita da Giannutri) e da un Bms da Ovest sul Golfo del Leone che ha suggerito una veloce risalita verso la Costa Azzurra dalla quale dirigere, a seguito del notevole giro a Est del vento, nuovamente verso il Leone scegliendo il tempo giusto di entrata.

Il primo bilancio è più che positivo: Malenkaia è in acqua da meno di 5 mesi, ha partecipato a 4 regate, ha conquistato il primo podio e Sergio si è "sciroppato", nella qualifica, un bell'assaggio di navigazione in solitario (13 giorni non sono uno scherzo).
Non so quali siano i prossimi appuntamenti ma per prima cosa bisognerà attendere l'omologazione del Qualifica da parte della Classe Francese.

venerdì 21 agosto 2009

La QUALIFICA aggiornamento del 21 agosto ore 08:31


Di bolina verso casa, anche se, dopo Giannutri, Sergio mi scriveva: "si torna a casa! Anche se non so più dove sia la mia casa."

E' su di un "seimetriemezzo" con forno a colonna, congelatore, tv lcd da 42" e jacuzzi. B.V.

giovedì 20 agosto 2009

La QUALIFICA aggiornamento del 20 agosto ore 08:38


Colpevole mia assenza dal blog ma la navigazione è continuata senza intoppi tranne che per la lentezza dovuta al poco vento.
L'ultimo waypoint (Giannutri) è ben a poppa di Malenkaia e adesso è in corso la "cavalcata" finale che porterà la barca di nuovo a La Grand Motte.
Le previsioni preannunciano un bel colpo di Mistral seguito immediatamente dopo da un'altrettanto importante botta di Grecale. Sarà necessaria una esatta valutazione di quando entrare in rotta per il Golfo del Leone.

domenica 16 agosto 2009

LA QUALIFICA aggiornamento alle ore 08:13 del 16 agosto 2009

Un ferragosto e una notte calma per Sergio e Malenkaia. Poco vento di direzione variabile: questo non significa riposo anzi è una di quelle situazioni di stress maggiore, si è sempre alla ricerca del modo migliore di avanzare. Ieri sera Sergio mi comunicava l'intenzione di puntare sulla Corsica. Stamane, finalmente, 10 nodi da Nord; il messaggio recita "sono stanco morto, spero che tenga che dormo, troppe navi" Le previsioni danno ancora una giornata interlocutoria in fatto di intensità e direzione, stasera dovrebbe entrare un po' di Ovest che dovrebbe tenere fino a martedì e oltre. Sergio punta verso il largo e l'aggiornamento della posizione sarà possibile solo in vista della Corsica. B.V.

sabato 15 agosto 2009

La Qualifica aggiornamento posizione del 15 agosto 2008 ore 12:08


Molte ore (circa 36) senza avere notizie, supponendo che, dopo il secondo passaggio della boa del Golfo del Leone, Sergio avesse cercato di navigare per parallelo rimanendo così lontano dalla terraferma. Ho provato a chiamarlo e a parziale conforto anzichè il messaggio di "non raggiungibile" dell'operatore sentivo suoni strani come se in qualche modo la rete "sentisse" la presenza del suo cellulare.
Comunque oggi dopo mezzogiorno è arrivato un sms con la nuova posizione (a largo di Marsiglia) ed in risposta è partito un benevolo "cazziatone" sulla necessità di avvisare quando si decide di andare al largo.

La Qualifica aggiornamento posizione del 14 agosto 2009 h. 20:03

giovedì 13 agosto 2009

13/08/2009 la Qualifica: Greetings from Barcellona



Stamattina alle 11:25 una sorpresa: invece del solito sms con Latitudine, Longitudine, Rotta, Velocità, intensità e direzione del vento ho ricevuto questo mms.

mercoledì 12 agosto 2009

LA QUALIFICA aggiornamento alle ore 22:00 del 12 agosto 2009

Sergio è in acque spagnole, Barcellona si avvicina.

Se avete installato Google Earth sul vostro computer, a questo
indirizzo potete scaricare il file che permette la visualizzazione all'interno dell'applicazione.

LA QUALIFICA aggiornamento alle ore 11:00 del 12 agosto 2009

Se avete installato Google Earth sul vostro computer, a questo indirizzo potete scaricare il file che permette la visualizzazione all'interno dell'applicazione.

Comunque qui di fianco lo snapshot: il primo passaggio alla boa del Leone è fatto; Sergio sta per approcciare Cap Crèus.

LA QUALIFICA

Questo a lato è il percorso di qualifica che Sergio e Malenkaia stanno affrontando in questo momento; ieri mattina ultima telefonata, ma .... come va?.... il meteo....la cambusa....ormai le partenze stanno diventando routine (almeno per me che sono davanti alla tastiera), è strano come ci si abitui presto. Comunque sembra tutto in ordine, ieri sera ho beccato di nuovo Sergio in chat qualche minuto prima della partenza erano circa le 21 e voleva uscire dal porto prima che scendesse il buio.
1000 miglia sono tante, prima tappa Barcellona e il meteo sembra voglia essere clemente . B.v.

lunedì 10 agosto 2009

siamo fortunati

non centra molto con la partenza ma queste 2 righe volevo scriverle da molto, e ora a 1.35 con la barca incasinata e le idee ancora piu annebbizte dal sonno penso sia il momento migliore.
da mesi condivido 2 stati mentali assolutamente contrapposti. Il primo connesso alle regate e a questo splendido progetto, quello che sognavo fino a pochi mesi fa è in parte realtà: sono skipper e armatore di una barca per regate d'altura, faccio regate in solitario, tutti i giorni conosco altri skipper, vivo all'estero e conosco gente splendida. tutto questo anche se non ho un letto vero e devo frequentare i bagni pubblici.
il secondo è paura e angoscia per il mio futuro: cosa farò, di cosa vivrò, quale sarà la mia città, riuscirò a pagare la barca. (chi mi conosce sa che è completamente autofinanziato...se potete aiutarmi nella ricerca sponsor e comunicazione...) inoltre le persone che mi vogliono bene mi chiedono, giustamente: cosa farai, fino a quando stai li, quando ci vedremo, ecc mettendomi ancora piu pressione. in questi momenti mi domando chi me lo ha fatto fare, perche ho rinunciato a un ottimo stipendio, sicuro per questa cosa. ieri dopo l'ennesima persona che con aria sognante guardava la barca nei dettagli e vedeva me la preparavo ( si ne passano molti cosi, con una strana espressione, una via di mezzo di ammirazione, stupore e amore) ho capito che siamo degli eletti.
siamo dei folli eletti che hanno qualcosa, uno scopo, un progetto, un obbiettivo per cui valga la pena stravolgere la proria vita. mettere tutto ciò che si possiede su un piatto andare davanti a Dio e chiedergli in cambio di tutto questo mi dai un pezzo del sogno?
siamo dei folli eletti che hanno l'arroganza, la passione, l'incoscenza e la maleducazione di fare questa domanda in un momento in cui tutti cercano di conservare il posto di lavoro perche ci bombardano con "La Crisi".
"La Crisi" penso sia una nuova forma di terrorismo, più subdola il cui scopo principale sia evitare che la gente pretensa i proprio diritti e che lotti per i propri sogni e per vivere bene. non per sopravvivere.
penso che questi folli eletti abbiano la "funzione sociale" di dimostrare che esistono anche altri modi di vivere, che non sia solo la soppravivenza nella paura di perdere qualcosa che non abbiamo (la sicurezza).
l'uomo vive di sogni, speranze e ambizioni. si può resistere settimane senza mangiare, ma non alla mancanza di sogni, speranze e ambizioni.
la prossima volta parlo anche di vela...promesso...

domani si parte, andiamo a vedere cosa c'è nella mia mente

lo confesso, oggi per la prima volta, dopo la fine della solo ho issato issato una vela su Malenkaia. confesso non avevo neanche lavato la randa. oggi all'improvviso questo "cantiere"/camera con vista mare è diventata una barca, una barca da regate d'altura, fatta per l'oceano. l'ho sentita: "Sergio, non mi interassano abiti e gioielli nuovi (ultimamente ho speso cifre folli), non mi interessa che continui a coccolarmi chiusa in porto, voglio correre nel vento con te! ANDIAMO!" all'improvvisono mi sono perso, non riuscivo a capire cosa facevo ancora in banchina, perchè tenevo il mio cuore e la mia mente in mezzo a queste piramidi di cemento. se l'acqua e il cibo fossero stati in barca sarei partito un minuto dopo abbandonando il superfluo in banchina...domani si parte, è vero non ho fatto tutti i lavori che volevo fare, ma si parte. è diventata una necessità, una priorità inderogabile. devo vedere cosa c'è a est della mia mente dopo giorni di solitudine.
Comincio a pensare che il mio cuore galleggi.

lunedì 3 agosto 2009

La dove osano le aquile

Cominciamo dall’inizio, solo qualche giorno fa.. faccio una premessa, nonostante il minista possa sopportare qualunque privazione e normalmente squattrinato ha un punto debole: lo ship chandler.
Cosa è? Sono i negozi che vendono articoli per la nautica dalle cime, ai bozzelli, alle scarpe. Sembriamo ventenni dentro un outlet che hanno rubato la Visa al padre. In preda a sindrome da shopping maniaco compulsiva, non possiamo uscire senza avere acquistato qualcosa. Ci si passa le dritte sui migliori negozi di nascosto e fa figo conoscere nuovi posti e piu forniti. All’improvviso le attrezzatura della barca sono obsolete, pericolose! Rinunciamo a mangiare, bere, fumare. Un'altra premessa non volevo piu spendere un euro in cime perche mi ero promesso di trovare uno sponsor. Comunaue, in preda a uno di questi attacchi trovo da Vega Voile una “bazza fuori dal mondo”: cima in Vectran del 6 a 2,10 al metro sconto 20 (sconto minista). DUE-EURO-E-DIECI-SCONTO-VENTIIIIIIIIIIIIIII! Bellissime 2 colori:rosso rubino scintillante e blu elettrico! All’improvviso le mie drizze sono diventate pericolose…e in italia le avrei pagate 3 volte di più. Ci penso, rifletto, le guardo e riguardo, mi aggiro intorno come uno squalo, ok le compro! Contento torno in barca e comincio a sostituirle. La drizza è un pezzo di corda che per andare dal pozzetto alla prua passa per una puleggia a 12 metri dal’altezza incassata dentro l’albero, l’unica cosa che non deve succedere e che la vecchia e la nuova “corda” si separino e cadano dentro l’albero, pena bisogna smontare l’albero dalla barca. Allora la prima che faccio passare la lego per bene con la vecchia, tipo 10 giri di nastro. La faccio passare, ogni centimetro è suspance…passa…passa…fino a quando non la vedi uscire dalla testa d’albero e poi finalmente in mano. Mentre sto preparando la sencoda, la mia stupida vocina comincia a dirmi: “Sergio…Sergio…non essere paranoico, dai solo 2 giri di nastro che bastano, non sprecarlo…pensa all’ecologia”, io che faccio? Gli do retta. Comincia a passare, 1 metro, 2 metri, sbuca dalla testa d’albero è fatta! NOOOOOO la vecchia si stacca e mi cade in testa. Finita niente drizza tocca disalberare. Guardo con il binocolo e vedo 15 centimetri che sbucano, sono un uomo fortunato, se non cadono dentro non ce bisogno di togliere l’abero! È solo una formalità sono nella mecca della vela, pieno di ministi. Troverò subito qualcuno che salga. Bene per farla corta non trovo nessuno. Tutti via o con qualcosa da fare e io disperato, vorrei essere una scimmia per salire su benedetto albero! Dopo 2 giorni di tentativi, vengo all’Abrì Cotier, il bar ristorante di fronte alla barca che mi ha adottato e chiedo al titolare se conosce qualcuno che lavora in porto per mandarlo in testa d’albero, pagato ovviamente. Lui cosa mi risponde? Ci mandiamo il barman (meglio cameriere), Criss un ragazzo mezzo italiano, di Parigi pazzo scatenato. Glielo chiede e lui mi guarda e dice: “no problema mon ami! Domain a 17, ok?” oggi questo sconosciuto si è fatto tirare a piu di 10 metri d’altezza, nel frattempo passava il presidente dello yatch club.. (Qui ci vuole un'altra spiegazione: ogni skipper per la regata aveva un padrino: un commerciante locale, nella presentazione il presidente ha detto che tutti i commercianti erano orgogliosi della corsa e pronti ad aiutarci). Immaginate la scena: “bon jour Sergio ca va?”-“bon jour ca va e vous?” dall’alto una voce “Bonjouuuur” il presidente sconvolto guarda in su e vede appeso il suo barman! Tradotto “Sergio cosa succede???”, “Presidente, lei mi ha detto che i commercianti erano a nostra disposizione e che dovevamo lavorare insieme…”- “hhhaaaaaaaaa les italiens”