sabato 29 ottobre 2011

Si riparte

Mentre scrivo Bologna in Oceano ha ripreso il largo con destinazione Salvador de Bahia,
Sergio mi ha telefonato e molto tranquillamente mi ha detto: ok vado.
La barca è a posto e ci sono 20 - 22 nodi in poppa.

E' difficile, a mezzo mondo di distanza, capire bene quali siano le reali condizioni di chi vive un'esperienza come questa, a Madeira quando ho visto la pila combustibile salutare la compagnia e smettere di funzionare ho faticato non poco a non far trasparire la disperazione e a darmi da fare ma ho avuto bisogno di 10 minuti in fondo ad un pontile per calmarmi, cito questa mia personale esperienza perchè posso solo in parte immaginare cosa possa essere passato per la testa di Sergio durante questa Transat. 
Mi piace, in questo momento, sottolineare la tenacità nel perseguire lo scopo qualunque sia l'esito finale.
Ho ricevuto mail di amici e anche di fornitori che mi chiedevano notizie:
siamo di nuovo in mare e non c'è niente di meglio.
Grazie

Ps aggiungo al nome di Brendan Archin quelli di Francois Amaury, Bert Bossyn e Bruno Simmonet che hanno generosamente aiutato Bologna in Oceano smontando pezzi delle loro barche per aiutarci a riprendere la navigazione,
dire grazie è veramente troppo poco. 

Nessun commento:

Posta un commento